Salvini a Pavia: esplosione di violenze verbali e aggressioni fisiche






Il comizio di Salvini a Pavia ha portato con sé in città uno strascico di violenze verbali e aggressioni fisiche intollerabili. La nostra solidarietà va in primo luogo a Clelia Garante di Radio Aut, garante di Arci Pavia. Alcuni neofascisti hanno infatti pubblicamente minacciato di volerla “gambizzare”, adducendo come motivazione il fatto che è una “zecca rossa”. E Clelia non è stata l’unica vittima di violenze fisiche e verbali quella sera. Molti dei nostri soci sono stati oggetto di insulti ed alcuni sono anche stati aggrediti fisicamente con schiaffi e spintoni da esponenti della lega e di gruppi neofascisti. Arci Pavia denuncia con forza il clima inaccettabile di violenze perpetrato ai danni di persone che volevano solamente contestare democraticamente la presenza di Salvini a Pavia. Consideriamo ciò che è accaduto sintomo di un’epoca in cui è sempre più difficile manifestare la propria opinione libera e democratica. Nonostante questo, Arci Pavia continuerà a diffondere, con la propria presenza sul territorio, i valori di antifascismo, antimafia e antirazzismo che da sempre la contraddistinguono.