Imagemenu

Associarsi Cultura Sociale Internazionali Immigrazione

arci

    prova
  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Link utiliArci ReportContenuti MultimedialiProgetti ARCI PaviaStatutoServiziCircoliNewsHome
Arci Comitato Territoriale di Pavia

orari sede Arci

E-mail Stampa PDF

 

Carissimi Soci,
Vi comunichiamo che la nostra sede
Martedì 26 Aprile 2016, Giovedì 28 e Venerdì 29 non sarà aperta al pubblico.
La Segreteria rimane comunque disponibile – telematicamente- negli orari stabiliti ai seguenti contatti:
Mob. 320 5692239 E- mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
L’orario d’apertura al pubblico riprenderà regolarmente nei giorni a seguire.
La Segreteria


 


Carissimi Soci,


Vi comunichiamo che la nostra sede


Martedì 26 Aprile 2016, Giovedì 28 e Venerdì 29

non sarĂ  aperta al pubblico.


La Segreteria rimane comunque disponibile
– telematicamente- negli orari stabiliti ai

seguenti contatti:

Mob. 320 5692239 E- mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

L’orario d’apertura al pubblico riprenderà regolarmente nei giorni a seguire.

La Segreteria

Ultimo aggiornamento Sabato 23 Aprile 2016 06:57
 

Sui diritti di tutti!

E-mail Stampa PDF

 

Sulla elaborazione politica di una cultura dei diritti e a proposito di Famiglia

 

“Il tempo è adesso”

Con questa esortazione, Arci Nazionale ha aderito alla mobilitazione del 23 gennaio al fianco di Arcigay, Arcilesbica, Agedo, Famiglie Arcobaleno e Mit.

Il tempo della discussione sui contenuti del DDL Cirinnà, in effetti, è già passato da un pezzo, superato nei fatti da una realtà sociale che ha indicato la via e i modi di fare famiglia nel 2016 rispettando le scelte di ciascuno.

Come tutti i maggiori processi di rivoluzione sociale ci hanno dimostrato, la proposta di legge serve a normare una situazione di fatto che è già stata acquisita nella prassi dal tessuto sociale di un paese. Ci provoca quindi enorme disagio il fatto che i nostri parlamentari continuino a confrontarsi in astratto su regole, principi ed etica riguardo la famiglia, quando la realtà che viviamo tutti i giorni è in grado di dare risposte concrete e puntuali basate sulla pratica.

Ci si chiede a chi giovi questo colpevole ritardo nel riconoscere una tutela giuridica a genitori e bambini che ne hanno bisogno e che, da tempo, la richiedono.

Ci si interroga su quale strano senso di tutela della famiglia tradizionale (davvero ridicola come definizione!) stiano ragionando i nostri parlamentari (spesso sposati 2, 3 volte e con figli da diverse relazioni), quando sono stati eletti per dare cittadinanza ai diritti della popolazione tutta.

Ci si perde, infatti, nella inutile e quanto mai cieca teorizzazione che due donne e due uomini che si amano e che hanno deciso di concretizzare i propri desideri anche mettendo al mondo dei figli non siano in grado di svolgere adeguatamente la loro funzione genitoriale. Perché e come fallirebbero? E soprattutto chi ha strumenti atti a verificarlo?

E anche riguardo la possibilità che i figli di famiglie omosessuali possano subire atti di bullismo e di discriminazione o addirittura sentirsi diversi, beh… le tragiche notizie delle ultime settimane ci pongono di fronte al fatto che i ragazzi tutti vivono in un clima di violenza e sopruso, fin dalla più tenera età, che nulla ha a che vedere con la famiglia di origine e molto invece con la cultura televisiva e con la mancanza di prospettive legislative che tutelino davvero tutti!

Però questo percorso richiederebbe maggiore sobrietà e senso civico da parte dei nostri rappresentanti in Parlamento e una cultura costituzionale che oggi davvero manca.

E allora si mobilita quella parte della società che è invece capace di leggere le trasformazioni come un momento di scambio, di condivisione e di crescita collettiva, proprio per insegnare ai nostri ragazzi che il rispetto di tutti passa necessariamente attraverso un’applicazione il più aderente possibile ai valori della nostra costituzione!

 

Il tempo è adesso. Anche Arci Pavia sarà in piazza il 23 gennaio!

Ultimo aggiornamento Giovedì 21 Gennaio 2016 16:39
 

Formare per educare... il nuovo corso di formazione Arci

E-mail Stampa PDF
Carissimi,
nell'ambito del Festival dei Diritti, ARCI Pavia e CSV Pavia organizzano la prima scuola per volontari: un percorso di formazione dedicato a futuri volontari e operatori del settore che vorranno acquisire competenze per la gestione di gruppi e l’elaborazione di attività laboratoriali e interattive con i ragazzi.
Il percorso vede la collaborazione di: Antigone, ARCI Lombardia, Amnesty International, ArciGay ComingAut, Legambiente, Il Melograno.
L’intento sarà quello di promuovere la creazione di un gruppo di volontari dedicato alla costruzione di percorsi per le scuole sui temi dell'inclusione sociale, della lotta ad ogni forma di discriminazione, dell'ambiente e all'anti-mafia.
L’apprendimento di operatori e volontari sarà organizzato in modo tale da prevedere sia momenti teorici di trasferimento di nozioni e concetti, che pratici, attraverso un approccio laboratoriale e partecipato.
Il corso si terrà dal 20 novembre 2015 all’11 febbraio 2016.
Il corso è GRATUITO e si svolgerà a Pavia presso il Centro Servizi Volontariato (via Bernardo da Pavia, 4) e presso il Circolo Arci Via d’acqua (viale Bligny, 83).
iscrizioni: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Carissimi,

nell'ambito del Festival dei Diritti, ARCI Pavia e CSV Pavia organizzano la prima scuola per volontari: u
n percorso di formazione dedicato a futuri volontari e operatori del settore che vorranno acquisire competenze per la gestione di gruppi e l’elaborazione di attività laboratoriali e interattive con i ragazzi. 

Il percorso vede la collaborazione di: Antigone,
ARCI Lombardia, Amnesty International, ArciGay ComingAut, Legambiente, Il Melograno.

L’intento sarà quello di promuovere la creazione di un gruppo di volontari dedicato alla costruzione di percorsi per le scuole sui temi dell'inclusione sociale, della lotta ad ogni forma di discriminazione, dell'ambiente e all'anti-mafia.


L’apprendimento di operatori e volontari sarà organizzato in modo tale da prevedere sia momenti teorici di trasferimento di nozioni e concetti, che pratici, attraverso un approccio laboratoriale e partecipato. 


Il corso si terrà dal 20 novembre 2015 all’11 febbraio 2016.

Il corso è GRATUITO e si svolgerà a Pavia presso il Centro Servizi Volontariato (via Bernardo da Pavia, 4) e presso il Circolo Arci Via d’acqua (viale Bligny, 83).


iscrizioni:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Ultimo aggiornamento Domenica 15 Novembre 2015 18:31
 
  • «
  •  Inizio 
  •  Prec. 
  •  1 
  •  2 
  •  3 
  •  4 
  •  5 
  •  6 
  •  7 
  •  Succ. 
  •  Fine 
  • »


Pagina 1 di 7
Banner